Come organizzare un viaggio low cost nel Nord Europa d’inverno

tallinn d'inverno

Viaggi invernali e come organizzarli! A dicembre 2017 decisi che era tempo di esplorare altre latitudini. Complice il basso costo dei voli Ryanair, ma anche il piano di viaggio low cost ben riuscito, quale destinazione migliore se non il nord Europa d’inverno?

Ecco dunque, il mio itinerario di sei giorni nel nord Europa, dalle repubbliche baltiche fino alla Svezia e alla Finlandia.  

Sicuramente questi posti meritano molto di più di una toccata e fuga, ma sono comunque riuscita a farmi un’idea di queste terre affascinanti e ad incontrare una cara amica con cui condividere questa avventura. Ero già stata al nord, facendo un viaggio da sola a Vilnius, l’anno precedente e questa volta era la volta di Riga, Tallinn, Helsinki e Stoccolma.

  • Volo Milano Bergamo – Riga

Ho raggiunto l’aeroporto di Milano Bergamo da Bologna, viaggiando con Flixbus e per risparmiare una notte a Milano, ho scelto la tratta notturna con cambio a Padova, non proprio comodo e sconsigliato proprio per la sosta di un paio d’ore nella città veneta. Il volo per Riga era di mattina, intorno alle 10.45, per cui arrivai con grande anticipo in aeroporto.

Budget:

  • 10 € autobus Flixbus per Bologna – Aeroporto Orio al Serio, Bergamo
  • 48 € per il volo Ryanair Milano Bergamo – Riga

Cosa vedere a Riga

Arrivata a Riga intorno all’orario di pranzo, ho preso il bus N°22 fuori l’aeroporto per raggiungere il centro in una ventina di minuti e incontrare la mia compagna di viaggio. Nonostante il pochissimo tempo trascorso, Riga mi ha davvero colpito.

Il centro storico è abbastanza piccolo, ma rimanda a un’atmosfera d’altri tempi. VecRiga è lo storico quartiere di Riga, la città vecchia, ricca di antichi palazzi, di vicoli e piazze tipicamente medievali, e si sviluppa sulla riva destra del fiume Daugava e al Duomo, del XII secolo. Vecriga è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Casa delle Teste Nere

Abbiamo passeggiato un po’ a zonzo riuscendo a vedere la Casa delle Teste Nere, situata nella piazza del municipio, la chiesa luterana di San Pietro, il cui campanile svetta sugli edifici sovrastanti, per poi fermarci curiose in una piccola piazzetta, circondata da edifici colorati, davanti la statua dei Quattro musicisti di Brema.

Abbiamo fatto una passeggiata senza una meta precisa, in direzione della cattedrale, per poi decidere di fare uno spuntino al Folkklubs Ala Pagrabs, un posto perfetto per mangiare bene, spendere poco e avere una location d’eccezione! Alla fine della cena, (altro che spuntino), ci siamo dirette verso la stazione dei bus per andare a Tallinn.

Fine della brevissima ma piacevole permanenza in Lettonia.

  • Da Riga a Tallinn in bus

Il bus che ci ha portato nella più bella delle capitali Baltiche è partito intorno alle 19.00 dalla stazione di Riga. Siamo arrivate a Tallinn alle 23.25, a bordo del bus della compagnia Lux Express, per soli 10,90 €.Cosa vedere a Tallinn

Cosa vedere a Tallinn

Una volta arrivate alla stazione dei bus di Tallinn, ci siamo ritrovate decine di taxisti pronti a scarrozzarci in centro, che dista 3 – 4 km, a prezzi non proprio convenienti. Dopo una piccola disavventura con un tassista “abusivo”, siamo riuscite a guadagnare un paio di km e a continuare il resto del percorso a piedi fino a raggiungere il nostro centralissimo ostello, Old Town Alur Hostel.

Tallinn Old Town

Vedere Tallinn di sera e addobbata con le luci natalizie, è stata un’esperienza suggestiva e magica. Abbiamo trascorso la mattina successiva a girare in lungo e in largo la città vecchia, grazie ad un free walking tour: strade acciottolate, archi in pietra in puro stile medievale, le case colorate di Narrow Street, la vista panoramica sulla collina di Toompea da Kohtoutsa, la meravigliosa Cattedrale di Aleksandr Nevskij che rimanda all’antico potere zarista sulla città.


Cattedrale di Aleksandr Nevskij

Ma Tallinn è stata anche una piacevole scoperta per il palato. Abbiamo fatto colazione comprando cioccolatini artigianali da un carinissimo negozietto che si chiama Chocolala Handmade House.

All’ora di pranzo abbiamo deciso di provare l’esperienza medievale offerta da III Drakon, un locale molto piccolo, sempre affollato e sì, turistico, ma di certo non comune. Abbiamo mangiato a lume di candela, rigorosamente senza posate e servite da locandiere, che indossavano tipici abiti medievali.

Uscendo dal circuito turistico, ci siamo avventurate nel quartiere hipster di Tallinn, Telliskivi Creative City, un ex zona industriale, riqualificata e diventata un centro importante per il design e la street art. Qui abbiamo bevuto birra artigianale al F-hoone, uno dei tanti baretti trendy, ricavati da ex capannoni.

Per concludere, il nostro tour egonastronomico, ci siamo concesse dei pancakes buonissimi al formaggio e salmone, in un locale chiamato Kompressor.

Budget: Due notti presso l’ostello Old Town Alur Hostel – 24 €

  • Da Tallinn ad Helsinki in traghetto

Dopo due notti a Tallinn, l’abbiamo salutata per prendere un traghetto alle 7.00 del mattino, per raggiungere Helsinki. Abbiamo pagato il biglietto intorno ai 35 €, ma prenotando con anticipo si può spendere anche meno.Cosa vedere ad Helsinki

Cosa vedere a Helsinki

Siamo arrivate ad Helsinki intorno alle 9.30 del mattino e prendendo un tram abbiamo raggiunto Piazza del mercato. Faceva molto più freddo che a Tallinn e un vento pungente non ci lasciava in pace.

Cosa vedere a Helsinki? La capitale grigia della Finlandia offre più di quello che ci aspetta. Abbiamo fatto un giro nel mercato coperto che si trova a Piazza del mercato, per poi spostarci nei dintorni e arrivare a Piazza del Senato, dove si ergono la Cattedrale, il Palazzo del Governo, l’Università di Helsinki e la Biblioteca Nazionale di Finlandia.

Ritornate a Piazza del mercato, abbiamo deciso di prendere un traghetto per Suomenlinna, la fortezza sull’acqua, che è stata l’attrazione più bella della città. Costruita nel 1748 quando la Finlandia apparteneva alla Svezia, è passata di proprietà più volte, seguendo le sorti del paese: è stata russa, bombardata dagli inglesi, trasformata in campo di prigionia e poi ha trovato pace.

Oggi è protetta dall’UNESCO come esempio unico di architettura militare europea del 1700. Si entra nella fortezza dalla Kuninkaanportti (la porta del re) e si visitano i bastioni con le gallerie scavate nella roccia. Il tutto sembra il set di un film!

Scordi di Suomenlinna

La visita è durata un paio d’ore, giusto il tempo di ritornare in città e pranzare in un ottimo sushi, dai prezzi stracciati ( menù all you can eat 12 €, in Finlandia!).

Prima di lasciare Helsinki e prendere il volo per Stoccolma, andiamo a visitare la famosa Chiesa nella Roccia e Cappella del Silenzio, di cui, personalmente, ho apprezzato solo il concetto astratto.

Stazione ferroviaria di Helsinki

Budget: biglietto del tram 2,90 €, biglietto del traghetto per Suomenlinna 5 €

  • Volo Helsinki – Stoccolma

Era arrivato il momento di lasciare la Finlandia e di concludere il viaggio con la mia amica. Era il momento di un paio di giorni in solitaria a Stoccolma. Il volo della Norwegian Airways diretto a Stoccolma – Arlanda mi è costato 29,90 € ed è durato un’ora.

Cosa vedere a Stoccolma

Ho raggiunto il centro della città, prendendo un bus della compagna Flygbussarna, pagando un biglietto di 10€ circa. L’ostello scelto era centralissimo, a meno di dieci minuti a piedi dalla stazione dei bus.

Il giorno seguente ho girato a piedi per tutta Stoccolma, accompagnata da una pioggerellina finissima. Ho girato in lungo e in largo, sempre e solo a piedi, perdendomi in realtà la possibilità di vedere alcune delle più belle stazioni metropolitane del mondo. In compenso, a passo lento e con strade quasi deserte, mi sono innamorata di Stoccolma.

Gli edifici colorati del Gamla Stan erano in netto contrasto con il cielo grigio e i chioschi di Natale rendevano l’atmosfera magica e fiabesca. Attraversando un ponte, mi sono diretta sull’isola di Sodermalm e per avere una tregua dalla pioggia, ho deciso di visitare il Fotografiska, il museo di fotografia ed è stata una scelta azzeccatissima.

Stortoget

Dopodichè, ho passeggiato per tutta l’isola di Sodermalm, scoprendo gioielli nascosti come la di Caterina, Kateryna Kika. Questa chiesa luterena è conosciuta anche come la chiesa di Greta Garbo – qui l’attrice è stata cresimata – ed è circondata da uno dei cimiteri più affascinanti della città, dove non è difficile incontrare enormi leprotti in caccia di cibo. Sono arrivata fino al quartiere hipster di SoFo, vicino la piazza di Nytorget, piena di negozietti vintage, cafè e bistrot.

La giornata a Stoccolma è volata in un batter d’occhio, giusto il tempo di innamorarmene e lasciarla con l’amaro in bocca.

Budget: due notti al City Backpack Hoste-38 €; biglietto del museo Fotografiska ( tra i 14€ -16 €)

  • Volo Stoccolma – Milano

L’indomani ho raggiunto l’aeroporto di Stoccolma Skavsta, con la stessa compagnia d’autobus dell’andata, Flybussarna, al costo di 14 € circa.

 Ho preso un volo Ryanair per Milano Bergamo al costo di 12 €. Arrivata all’aeroporto Orio al Serio, ho preso uno dei tanti shuttle bus per andare alla stazione di Milano Centrale, per poi prendere il treno regionale per Bologna ( 5€ shuttle bus, treno Milano – Bologna 16 €)

Costi totali per 5 giorni nel Nord Europa, con partenza da Bologna:

  • Trasporti: 200€
  • Alloggi: 62€
  • Altre spese: 100 €

6 giorni nelle capitali del Nord Europa = 362€ all inclusive!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: